23 luglio 2017

E l'okapi arriva a Barzio (LC)


cliccare sulla locandina per ingrandirla

20 luglio 2017

Fatherland di Robert Harris recensito da Miriam Ballerini

 
FATHERLAND                  di Robert Harris

© 1992 Arnoldo Mondadori Editore 
ISBN 8804374640  € 11,00  pag. 333

Cosa sarebbe accaduto che se a vincere fosse stato Hitler? Quale società avrebbe creato?
A queste domande ha dato una propria interpretazione lo scrittore Robert Harris, con questo romanzo ben scritto che, una volta iniziato a leggerlo, ti costringe quasi ad arrivare alla fine.
Ci troviamo nella città costruita da Hitler, nel 1964.
La polizia è stata assorbita dalle SS e March Xavier ne fa parte, anche se non è assolutamente di parte politica.
Tutto ha inizio con la morte di un gerarca nazista, pare che si sia suicidato.
Per March inizia un’indagine che lo porterà a scoprire tutta la polvere che può starci sotto un tappeto.
Presto Kennedy verrà in visita in Germania, ma l’impero di Hitler, la sua Fatherland, Patria, sta scricchiolando.
Presto March si accorge che quest’ultimo suicidio è solo l’ultimo caso di tante, troppe morti sospette.
Una giornalista americana lo aiuterà nelle indagini.
Dopo molte indagini, fra traditi e traditori, scopriranno quale grande mistero si cela dietro tutti questi omicidi. Chi sono i colpevoli e perché il turbine che prima pareva solo una tempesta, sta accelerando rischiando di diventare un vero e proprio uragano.
La giornalista, con le prove di quanto sta accadendo, l’eccidio di milioni di ebrei, riesce a passare il confine con la Svizzera, quindi a tornare in America dove potrà pubblicare le carte dello scandalo e
fare sapere al mondo intero cosa succede in Germania.
Per March è previsto un altro finale.
Tutti i nomi dei vari nazisti corrispondono a persone realmente esistite che, ovviamente e per fortuna, hanno fatto ben altra fine nella storia.
Un giallo davvero ben costruito, con adattamenti storici impeccabili e una penna che si fa seguire.

© Miriam Ballerini

19 luglio 2017

IL MONOTIPO Sabato 22 e Domenica 23 Luglio 2017 a Milano

IL MONOTIPO
Sabato 22 e Domenica 23 Luglio 2017

Fondazione Federica Galli, 
viale Bianca Maria 26, Milano





Il monotipo (dal greco monos, uno, e typos, immagine) è una forma di stampa ibrida, che mescola pittura e calcografia e che può dar luogo ad uno o due esemplari. La difficoltà sta sia nella preparazione del supporto, che può essere di vari materiali, sia nella composizione e nella previsione del risultato. Molti artisti si sono cimentati con questa tecnica (Degas, Matisse, Gauguin, Klee, De Kooning, Toulose-Lautrec, Casorati, Picasso, Chagall) che consente un approccio immediato e di forte impatto espressivo.

Finalità:
• analisi delle opere degli artisti che hanno adoperato la tecnica del monotipo nel corso della storia dell’arte. Verranno quindi esaminate le tecniche utilizzate e le loro finalità espressive a seconda del contesto artistico;
• verranno esaminati i materiali necessari e la loro finalità in fase esecutiva;
• realizzazione e stampa dei monotipi;

Docenti:
Leo Ragno - Artista, Incisore e Insegnante di Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia.

Partecipanti: Adulti (dai 15 anni) | minimo 8, massimo 12
Quando: Sabato 22 - Domenica 23 Luglio 2017
Giorni e orari: 10.00-13.00 | 14.00-18.00
Costo: € 90
Materiali: tutti i materiali sono compresi nella quota di iscrizione

PER ISCRIZIONI E INFORMAZIONI
T. 345 00 81 289

14 luglio 2017

FISCAL COMPACT DA ROTTAMARE! di Antonio Laurenzano

         
FISCAL COMPACT DA ROTTAMARE!
di Antonio Laurenzano

Indietro tutta! Il Fiscal compact con le sue regole ferree sulla disciplina di bilancio siglato nel gennaio 2012 è da “rottamare”. E’ la sfida che Matteo Renzi lancia all’Ue dalle pagine del suo libro “Avanti”, uscito in questi giorni con non poco clamore mediatico. “Ritornare per cinque anni ai parametri di Maastricht con deficit di bilancio al 2,9% per avere a disposizione almeno 30 miliardi di euro per ridurre la pressione fiscale e rimodellare le strategie di crescita in funzione del debito, perché di Fiscal compact e di austerity si muore!”
Fu infatti un “patto scellerato”, secondo Renzi, quello sottoscritto dai Governi europei (Gran Bretagna e Repubblica Ceca esclusi) in conseguenza della crisi economica dei debiti sovrani. Un patto di bilancio che consolidò la politica del rigore imponendo alle asfittiche economie dei Paesi del Sud Europa, Italia in testa, vincoli ancor più rigidi rispetto a quelli del Patto di stabilità del 1997: obbligo di non superare la soglia del deficit strutturale caso di deficit eccessivo. E inoltre, la clausola capestro per i nostri conti pubblici, la “regola del debito”: obbligo di ridurre il rapporto debito/Pil superiore al 60% di 1/20 all’anno, ovvero un esborso di 50 miliardi di euro ogni dodici mesi! Una misura insostenibile. Dulcis in fundo, la “regola d’oro” del pareggio del bilancio dello Stato, sancito con norma costituzionale che in Italia fu approvata quasi all’unanimità da Camera e Senato nel dicembre 2012, con la riformulazione dell’art. 81 della Costituzione.
Sulla legittimità del Fiscal compact si sono sollevati nel tempo critiche e forti riserve. Non è stato sottoscritto nel quadro di un Trattato europeo, ma al di fuori. Si tratta cioè di un accordo intergovernativo, non avente valore costituzionale, che non potrebbe in alcun modo modificare i Trattati dell’Ue, in primis quello di Maastricht che non prevede né il pareggio di bilancio, né l’abbattimento annuale del debito di 1/20! Modifiche che richiederebbero il varo di un nuovo Trattato da sottoporre al vaglio delle varie Assemblee parlamentari.
Ed è proprio su questo punto che Matteo Renzi gioca la sua sfida. Per recuperare al patto di bilancio ogni legittimità ed evitare quindi che possa essere impugnato davanti alle sedi competenti, uno specifico impegno assunto a livello comunitario dai Paesi firmatari del 2012 prevede l’inserimento del Fiscal compact nei Trattati europei con relativa ratifica dei singoli Parlamenti nazionali entro il prossimo dicembre. Da qui la pressione dell’ex premier sul Parlamento affinchè non sia dato semaforo verde alla ratifica che di fatto potrebbe ipotecare pesantemente lo sviluppo economico e la crescita del Paese. “Rottamare” dunque il Fiscal compact e recuperare la visione keynesiana della politica economica del Trattato di Maastricht, ammettendo un deficit pari al 2,9% del Pil e quindi l’idea che sia possibile finanziare con l’indebitamento la spesa per l’investimento e, in prospettiva, ridurre il debito. E’ il principio della “flessibilità virtuosa” ideato dall’ex ministro del Tesoro Guido Carli, figura centrale nel varo del Trattato.
Ma la ricetta renziana “più deficit, meno debito” è stata clamorosamente bocciata a Bruxelles. “Vogliamo un’Italia credibile, che rispetta le regole di bilancio dell’unione monetaria nell’interesse del Paese e delle future generazioni”, ha dichiarato Pierre Moscovici, commissario europeo agli affari economici. Netta la replica di Renzi: “Ma è possibile che l’Europa ci dica cosa fare e poi non è in grado di mantenere gli impegni per la relocation dei migranti?” E’ appena iniziato un difficile confronto fra Italia e Ue su un tema strettamente legato al futuro della nostra economia e quindi della prossima legislatura. Un braccio di ferro che nasconde molte insidie, non ultima quella di carattere elettorale.


Quale che sia la sorte della proposta di Matteo Renzi, sarebbe un salto di qualità nel dibattito politico italiano se, al posto delle sterili polemiche sulle alleanze post-elettorali e delle stucchevoli manfrine nei salotti televisivi, partiti e movimenti concentrassero finalmente i loro interventi su una questione di primaria importanza: la politica economica da perseguire per sostenere la crescita ma anche per ridurre il diffuso e profondo disagio sociale che in Italia, come nel resto dell’Unione europea, alimenta pericolosamente le derive populiste e sovraniste! La posta in gioco è alta! Bisognerà ora vedere quanto le pressioni e le minacce d’infrazione che arrivano da Bruxelles potranno influenzare l’esito di una discussione interna alla politica nazionale davvero essenziale per l’incerto quadro economico-politico del Paese. La caccia al voto lasci il posto a una responsabile azione di governo!

10 luglio 2017

L’ANNO PROSSIMO A GERUSALEMME di Andrè Kaminski recensito da Miriam Ballerini

 L’ANNO PROSSIMO A GERUSALEMME di Andrè Kaminski
© Longanesi 1987 - € 6,90 – Pag. 281  ISBN 88-304-0715-1

Cosa sarà mai questo romanzo? Un libro di fantasia o una storia vera?
Lo stesso Kaminski, alla fine del libro, ci dice che ha scritto il suo libro basandosi su ricordi di parenti sparsi ovunque, volendo fare una sorta di excursus nella saga della propria famiglia;  ma di non prendere proprio tutto alla lettera, non si sa mai che ci siano degli errori!
Scrive: “Diciamo e scriviamo la verità soltanto quando non ci resta altro da fare”.
Personalmente ho davvero apprezzato questo romanzo, datato 1987, quindi assolutamente non recente, ma che ha ancora molto da insegnare.
Kaminski ci parla di due famiglie ebree: quella del padre Herschele, e quella della madre Malwa.
Il periodo è quello a cavallo della prima guerra mondiale, ma i vari momenti di tensione politica e ideologica, pare quasi facciano da sfondo alle varie vicende personali dei protagonisti.
La famiglia di suo padre, i Kaminski per l’appunto, sono di Varsavia, mentre quella della madre, i Rosenbach, sono di Stanislav.
In modo colorito ci racconta i vari personaggi, snocciolando i loro difetti e progetti di vita in modo simpatico e divertente; nonostante si sia in guerra, nonostante la persecuzione alla quale gli ebrei sono da sempre destinati.
La famiglia Kaminski ha come capostipite Janckl, padre di undici maschi e cinque femmine. Herschele è il più piccolo dei maschi. Ripudiati dal padre perché rivoluzionari, riescono a fuggire in America, dopo essere stati mandati in esilio in Siberia.
A New York uno zio investe su di loro, cercando di farli diventare una meravigliosa squadra di calcio.
La famiglia di Malwa, invece, vede un padre affetto da nanismo, sposato a una donna che non lo ama; con uno zio che prevede chissà quali fortune per la sua invenzione della fotografia a colori, che mai riuscirà a realizzare.
Malwa è una ragazza forte, che lotta per l’emancipazione femminile.
I due si incontreranno a Vienna, dopo varie vicissitudini. Sarà amore a prima vista.
Ma il loro peregrinare ancora non ha fine: Malwa, in attesa del loro figlio (Andrè), andrà in Svizzera in cerca di lavoro. Herschele, ancora tenterà la via della rivoluzione.
Fino a quando si riuniranno a Ginevra. E non solo loro, ma tutte e due le loro famiglie.
C’è tanto in questo libro: c’è storia, psicologia, humor, una religione diversa. Affetto e scontri.
Vi starete chiedendo il perché del titolo: per il popolo ebraico, dire “ l’anno prossimo a Gerusalemme” è un saluto, un augurio. Anche se sanno benissimo che non sarà mai così.


© Miriam Ballerini

06 luglio 2017

Miriam Ballerini a Fagnano Olona (VA)

cliccare sulla locandina per ingrandirla

QUALE PUBBLICO PER LA DANZA + presentazione DOC 3 a Milano


 
DANCEHAUSpiù e STRATAGEMMI | Prospettive Teatrali

QUALE PUBBLICO PER LA DANZA +
presentazione DOC 3
[Dance On Critics - Il laboratorio di visioni e scrittura di DanceHaus Susanna Beltrami]
 
domenica 9 luglio 2017 dalle 19.30

presso OLINDA / DA VICINO NESSUNO E' NORMALE
(Via Ippocrate 45, Milano)

Quale pubblico per la danza? Come avvicinare nuovi spettatori al linguaggio del corpo? Il pubblico del teatro è spesso intimidito dalle proposte legate ai linguaggi coreutici e, a volte, nemmeno chi pratica danza ne è spettatore. Esistono quindi progetti e percorsi di #audiencedevelopment specifici, legati al linguaggio performativo?

A Olinda, in occasione dello spettacolo Prometeo: il dono della compagnia Simona Bertozzi/Nexus, presenteremo l’ultimo numero di “DOC – Dance on Critics”, il giornale trimestrale di critica teatrale frutto del laboratorio di visione e scrittura critica curato da Stratagemmi e DANCEHAUSpiù, rivolto a un gruppo di studenti di DanceHaus Susanna Beltrami.

Un progetto di audience development che sfrutta la critica come strumento di approfondimento dei linguaggi teatrali e di ampliamento dell’orizzonte di visione. L’incontro sarà occasione per interrogarci sulla fisionomia dello spettatore di danza e sulle strategie per un allargamento del pubblico e un aumento della qualità della visione.

Partecipano: Dancehaus più, STRATAGEMMI prospettive teatrali e i redattori di #DOC3.

A tutto il pubblico partecipante verrà regalata una copia omaggio dell'ultimo numero di DOC - Dance On Critics.

Vi aspettiamo!

 
 

05 luglio 2017